Oggi vorrei segnalarvi un gran film, Attack of the block. Da noi in italia con l’aggiunta della frase “”Invasione aliena”. 
Ottimo esordio nella regia cinematografica dell’autore comico radiotelevisivo Joe Cornish, Attack the block è però un film molto serio che porta la guerra dei mondi nella periferia urbana e la metafora sociale non potrebbe essere più attuale.

Le creature dallo spazio profondo attaccano quelle delle profondità cittadine (che possono fare altrettanta paura) e nasce la favola di Moses (nomen omen) che guida il suo popolo verso la salvezza e da scarto della società si ritrova eroe. Fantascienza, appunto. Ma Cornish conosce il sud della capitale britannica, lui stesso viene da quella zona, e sa allestire uno spettacolo teso e incredibilmente coinvolgente, dove lo slang stretto dei piccoli protagonisti e il campionario di personaggi che abitano l’alveare umano di cemento assicurano tanto il “colore” quanto il realismo necessario alla situazione. 
Più che una parodia del genere “invasione aliena”, il film è un’ottima storia d’avventura, del tipo “tutto in una notte” alla Guerrieri della notte, meno narrativamente raffinata e visivamente elaborata di quelle di J.J.Abrams (Super8) ma probabilmente più fresca ed emozionante (per non parlare, poi, delle immense differenze di budget). Il gruppo di ragazzini offre un modello di amicizia più unica che rara ma anche di ingenua simpatia, mentre i bestioni cespugliosi dalle zanne fluorescenti sono tanto fumettosi quanto terrorizzanti: tra il serio e il faceto, l’equilibrio è lodevole.