1959. Michael Courtland e sua moglie Elizabeth hanno appena finito di celebrare nella loro lussuosa casa di New Orleans il decimo anniversario di matrimonio quando la tragedia irrompe nelle loro vite. Elizabeth e la figlioletta Amy vengono rapite e moriranno in un fallito tentativo della polizia di liberarle coinvolgendo Michael. Da quel momento l’uomo vive nel rimorso. Un sentimento che potrebbe trasformarsi in senso positivo quando Michael, nel 1975, incontra a Firenze in San Miniato (la chiesa in cui aveva conosciuto Elizabeth) una giovane che restauratrice che le somiglia in modo incredibile.

Sulle orme del maestro Hitchcock ( La donna che visse due volte ) e grazie a una buona sceneggiatura di Paul Schrader, B. De Palma compone un thriller del mistero molto teso, ottime le musiche di B. Herrmann che ebbero una nomination all’Oscar. Non ho trovato esaltante Cliff Robertson nella parte del protagonista Michael Courtland.