1979 un’altra serie tv di genere fantascientifico compariva su rai uno, si trattava questa volta non di Spazio 1999 ma de I sopravvissuti, The surivors, prodotta da BBC1. 
Di questa serie ricordo il forte senso di inquietudine oltre alla grande bravura degli attori, l’allucinante clima post-apocalittico era innegabilmente verosimile tanto da scatenare una certa inquietudine in chi lo guardava.

Nata da un’intuizione di Terry Nation (già sceneggiatore del mitico Doctor Who), fu prodotta dalla BBC lungo l’arco di tre, indimenticabili, stagioni dal 1975 al 1977. La prima delle tre stagioni della serie mostra la rapida catastrofe che, con la fuga di un letale virus da un laboratorio asiatico, scatena sul mondo un’epidemia che annulla in pochi giorni il 99,9% dell’umanità. I tre protagonisti principali, la tenace e benestante Abby (Carolyn Seymour), il taciturno ingegnere Greg (Ian McCulloch) e la vivace, giovane londinese Jenny (Lucy Fleming) attraversano un paese stranito e desolato alla ricerca di Peter, il figlio di Abby, che notizie confuse vorrebbero ancora vivo. Attorno ai tre si forma lentamente, e con molti problemi, una comunità unita dal comune bisogno di sicurezza e dalle necessità della sopravvivenza, ma sempre più aperta verso un possibile futuro. 
Anni dopo la BBC ha prodotto un remake che devo dire non era niente male, ma l’originale anni 70 è insuperato a mio parere.

I precedenti post di My Nerd Cult