Evviva, ieri sera sono riuscito finalmente a vedere Whiplash, un film che ero curiosissimo di vedere. Soprattutto per l’interpretazione di J.K. Simmons.

Nato come un corto e dopo il successo riscritto come un lungometraggio Whiplash è l’esordio alla regia di Damien Chazelle.
Mescolando due filoni fondamentali del cinema americano, ovvero il genere dei “grandi domani musicali” (spesso ambientato nelle scuole di musica, fatto di scontri e concorsi e oggi declinato più che altro nei film di ballo di strada come la serie Step Up) e quello della vittoria dopo allenamento alla Rocky. Secondo molti esperti Whiplash ê il miglior film musicale degli ultimi 10 anni.

La bravura del regista sta nell’usare l’incontro e scontro con un allenatore/maestro che incute il timore del sergente istruttore Hartman di Full metal jacket (in questo senso la scelta di casting ricaduta sul grandissimo caratterista J.K. Simmons non è solo azzeccata ma forse l’unica possibile) per condurre lo spettatore nel processo di miglioramento individuale di un musicista che cerca di emergere. Unendo un forte umorismo ad una contagiosa tensione verso la vittoria, la battaglia contro se stesso di Andrew viene esternalizzata e diventa una lotta contro un’altra persona che lo spinge fino ai limiti del tollerabile e poi oltre.

Commovente per qualsiasi amante della musica la precisione con la quale Whiplash esegue le parti musicali, tarando l’abilità degli strumentisti a seconda di chi stia suonando (in alcuni casi a livello maniacale), scegliendo le partiture e le soluzioni meno commerciali (non ci sono brani realmente famosi al di fuori della cerchia degli amanti) per non portare mai il jazz allo spettatore ma lasciare che accada il contrario, mantenendo così un’integrità e una serietà da applausi.

Andrew studia batteria jazz nella più prestigiosa ed importante scuola di musica di New York, è al suo primo anno e già viene notato da Terence Fletcher, temutissimo e inflessibile insegnante che a sorpresa lo vuole nella propria band. Il ragazzo è eccitato dalla possibilità ma non sa che in realtà sarà un inferno di prove, esercizi e umiliazioni come non pensava fosse possibile. Gli standard richiesti da Fletcher sono mostruosi e progressivamente alienano sempre di più Andrew dalle altre parti della sua vita.