Ed in fine arriva anche l’immagine del nobile Thorin Scudodiquercia con la sua spada Orcrist (che in Sindarin significa “Fendiorchi”). In questo modo è completa la presentazione dei 13 nani che compongono la spedizione de Lo Hobbit verso le montagne nebbiose alla riconquista del tesoro strappato loro dal Drago Smaug.
Già guardando queste prime foto c’è una considerazione che si può fare, e cioè che lo spirito allegro e scanzonato che caratterizza la prima parte de Lo hobbit sembra essere in contrasto con l’aspetto dark che i costumisti di Jackson hanno conferito ai nani. Quanto è lontana la figura di Gimli de Il Signore degli Anelli da questi che sono veri e propri nobili guerrieri, barbe ben curate, vestiti raffinati e tutti in ottima forma fisica… anche perchè in questa era è alto lo spirito dei nani e grande è ancora il loro potere. Ma alcuni tra cui Thorin sono poco naneschi, lui dovrebbe avere una lunga barba ed essere piu anziano, a prima Vista mi ha ricordato un Klingon di Star Trek.

Thorin: 800×600, 1024×768, 1152×864, 1280×1024, 1600×1200, 2048×1536.
Thorin e la Compagnia: 800×6001024×7681152×8641280×1024,1600×12002048×1536

“Quando era ancora un giovane principe dei nani, Thorin ha assistito alla distruzione e al terrore causati dal grande Drago sputafuoco mentre attaccava il regno dei nani di Erebor. Dopo aver ucciso molti dei suoi compagni nani, il grande serpente Smaug entrò nella Montagna Solitaria e prese possesso del suo vasto tesoro di oro e gioielli. Nessuno venne in soccorso dei nani sopravvissuti, e così quella che una volta era una razza nobile e orgogliosa fu costretta all’esilio. Cresciuto durante lunghi anni di difficoltà, Thorin divenne un combattente forte e senza paura, e una guida rispettata.  Nel suo cuore crebbe un feroce desiderio, il desiderio di ottenere indietro la sua terra natale e distruggere la bestia che aveva portato così tanta miseria sulla sua gente. Così, quando il fato gli offre un insolito alleato, coglie l’opportunità di ottenere la sua vendetta…”