Ero in spasmodica attesa per l’inizio di questa serie TV, per vari motivi. Il
Primo fra tutti è che si tratta della prima serie TV su un X-Men e io adoro i mutanti più famosi del mondo. Negli anni 90 ho divorato molti fumetti degli X-Men, è stato il periodo d’oro, quello di Chris Claremont.

Nei fumetti il padre di Legion (David, uno strepitoso Dan Stevens) è nientemeno che il dottor Xavier anche se nella serie TV non sarà così. Legione possiede enormi poteri di alterazione della realtà. In verità essi si scindono in una moltitudine di poteri molto più limitati e specifici, ciascuno dei quali si lega ad una delle moltissime personalità che di volta in volta hanno assunto il suo controllo. Nella prima puntata non sappiamo se soffrirà anche di disturbi della personalità ma sappiamo che viene definito il più potente mutante sulla faccia della terra.

Nel primo episodio vediamo David in una casa di cura psichiatrica innamorarsi di una ragazza di nome Syd Barrett (come il primo cantante dei Pink Floyd che ispirò The dark side of the Moon) e infatti il tocco psichedelico è stato uno degli aspetti che più mi sono piaciuti in questo primo episodio in bilico perenne tra realtà e allucinazione. Sono curioso di vedere come proseguirà dopo l’ottimo inizio. E non spaventatevi se in questo pilot non si capirà molto della trama sono sicuro che già dal secondo le cose cambieranno!