Che dire…un filmetto piccolo piccolo, niente più questo Passengers con due nomi di grido come Jennifer Lawrence e Chris Pratt per attirare pubblico.

La nave stellare Avalon si sta compiendo la più grande migrazione di massa dalla Terra verso una colonia tutta da costruire ed abitare, su un nuovo pianeta, Homestead II. Cinquemila persone viaggiano addormentate in capsule all’avanguardia. Durante lo scontro con un meteorite, però, la nave riporta un incidente imprevisto e una capsula si sblocca. Jim si sveglia, così, con novanta anni di anticipo sulla data prevista. Poi è la volta di Aurora. Soli, senza alcuna possibilità di tornare indietro, i due sono condannati a finire la loro vita sulla Avalon.
Vi giuro che è così… fine del film, titoli di coda. Va bene la leggerezza ma qui si esagera. Pessimo. Pessimo. Pessimo. Peccato perché il design dall’astronave è veramente uno spreco per questo film.