Eccomi qui per il consueto consuntivo di fine anno. Il 2017 è stato un’anno intenso di libri, fumetti, film, serie tv e musica.
Ho atteso parecchi film e molti sono stati parecchio belli ma alcuni come Star Wars – Gli ultimi Jedi sono stati un’autentica delusione altri Dunkirk non sono stati così coinvolgenti, così per i libri l’appuntamento annuale con alcuni autori è stato fantastico, il ritorno di Evangelisti con il suo Magister Eymerich e Leoni con Dante, la riconferma di Carrisi ma anche di grandi delusioni come Il debito di Glenn Cooper.

FILM
Dei circa 70 film che sono riuscito a vedere sono stati parecchi i film che mi sono non solo piaciuti ma che difficilmente dimenticherò.
Ho dovuto estendere da 3 a 6 la mia personale classifica che comprende ben due film di Denis Villeneuve che è ormai uno dei miei registi preferiti. Il terzo è l’inquietante opera di Tom Ford seguito da quello di Chanelle che mi ha riportato alla Hollywood dei bei tempi andati. It non è certo un capolavoro ma l’ho amato come il crepuscolare Logan.
Oltre a questi I figli della notte di Andrea De Sica, Baby driver – il genio della fuga di Edgar Wright, Split di m.night Shyamalan, War pianeta delle scimmie, Life, The founder, Manchester by the sea, Personal shopper, The neon demon sono tra quelli che ricordo di più:

Arrival
Durante l’anno ho visto circa 75 nuovi film ma questo di Denis Villeneuve tratto dal racconto di Ted Chiang è stato il film più bello che abbia visto nel 2017. Capolavoro assoluto non solo del genere fantascientifico è stato capace di emozionarmi come mai.

Blade Runner 2049
Era il film più atteso dell’anno da molti appassionati di fantascienza, seguito di un cult del cinema secondo me non ha deluso grazie alla magnifica regia di Denis Villeneuve che è riuscito a personalizzare una sceneggiatura non sua e per niente leggera.
Animali Notturni
Tom Ford completamente ignorato dall’Accademy che assegna gli Oscar confeziona un film sconvolgente che difficilmente si dimentica. Atmosfere alla Hitchcock più che altro per la splendida colonna sonora di Abel Korzeniowski (splendida Wayward sisters).
La la Land
Doveva essere il vincitore e trionfatore agli ultimi premi Oscar ma è stato ingiustamente superato da un film mediocre. Qui invece è tutto a livelli eccelsi e per nulla banali. Grande musica, coreografie, sogni di gloria, estetica incredibile, una Los Angeles come non si vede più, il Jazz, la Hollywood dei bei tempi andati.
IT
Si è scritto tanto di questo film, che non fa paura e tanto altro ma io l’ho adorato. Atmosfera anni 80 azzeccatissima e personaggi coivolgenti. Tutti i ragazzini sono bravissimi, che dire poi di Bill Skarsgård, nel ruolo dell’entità demoniaca Pennywise/It?
Logan
Film crepuscolare, struggente racconto postapocalittico, realtà alternativa nella quale i mutanti sono stati annientati. Tutti tranne lui Logan/Wolverine interpretato per l’ultima volta da un’intenso Hugh Jackman mentre Patrick Stewart fa lo stesso con il suo prof. Xavier.
ROMANZI: GIALLI/THRILLER
Per i romanzi gialli non c’è stata storia:

La ragazza nella nebbia
Donato Carrisi debutta al cinema con la trasposizione di questo libro e fa centro in entrambi i casi. La sparizione di un ragazza porta al centro dell’attenzione mediatica un piccolo paese di montagna. Si legge una critica alle trasmissioni tv che vivono sulle disgrazie altri.

Il manoscritto delle anime perdute
Torna il mitico Dante di Giulio Leoni con una sua avventura. Siamo nell’estate del 1304 e tra i vicoli infuocati di Verona, i sentieri aspri degli Appennini e le strade in tumulto di Firenze, si dipana la sfida a distanza fra tre personaggi eccezionali fino al decisivo, sconvolgente incontro finale.

Inciso nelle ossa
Seguito de Il guardiano invisibile ritorniamo nella Trilogia del Baztan (pronuncia Batta, il fiume che dà nome all’intera, larga vallata) nella Navarra valle a volte magica, a volte infernale, Amaia dovrà ancora una volta confrontarsi con la propria famiglia e le proprie radici.

ROMANZI: FANTASCIENZA
Il ritorno di Eymerich e il libro di Patterson sono stati superati solo da Sfera di Crichton. Sfera non è solo un romanzo di Fantascienza, peccato averlo letto solo ora. 
Sfera
Ho voluto leggere questo romanzo del grandissimo Micheal Crichton subito dopo aver visto Arrival. Entrambi presentano degli scienziati alle prese con un manufatto alieno. Avventura, psicologia, fantascienza e un mistero da risolvere. Una scrittura veramente fluida ed accattivante,
Eymerich risorge
Inaspettato ritorno di uno dei miei personaggi preferiti, l’inquisitore Nicolas Eymerich, spietato e geniale antieroe. Siamo nel 1374 e papa Gregorio XI incarica padre Eymerich di indagare su un consigliere del re d’Aragona sospettato di eresia e di impiego delle arti magiche.
The store
The Store, il più grande negozio online mai esistito che sa chi sei, sa cosa desideri e quando lo desideri, è la mente che ti cattura con un semplice click, il mondo pronto a farti prigioniero facendoti credere di essere libero… l’unico modo per combatterlo è farlo dall’interno.
BIOGRAFIE
Ho avuto tempo anche per tre biografie. Tre personaggi da tre mondi diversi:

Elon Musk, Tesla, Space X e la sfida per un futuro fantastico
Ho divorato questa biografia, l’avventura umana di un genio, un nerd che da ragazzino si rifugiava nei libri (Il signore degli anelli è il suo preferito) veniva bullizzato pesantemente e che oggi è considerato il Tony Stark della Silicon Valley.

Born to run
L’epopea di uno dei pilastri della musica mondiale ma saprattutto Americana. L’infanzia tra le radici italiane e irlandesi, i primi concerti, la vita randagia, il successo con la E-Street band, le vittorie e le sconfitte. Biografia scritta di suo pugno, un vero genio della musica e anche della letteratura.
Hayao Miyazaki, un mondo incantato
Biografia di un genio che definiscono il Disney giapponese eppure alla Disney ammettono di aver preso ispirazione da molti dei suoi film. I suoi personaggi sono diventati icone, da Heidi a II mio vicino Totoro, da Lupin a La città incantata e Il Castello errante di Howl.
SAGGI
Cerco di leggere sempre qualche saggio, ne ho letti di interessanti, soprattutto di antropologia e archeologia. Ma questi sono i tre più belli. Il primo è antropologia pura, il secondo è una storia dell’universo invisibile e il terzo è un saggio di storia e rapporti tra musulmani e occidente.
Homo Deus, breve storia del futuro
Non sono d’accordo su alcuni particolari ma si tratta di un gran libro su cui si potrebbe discutere all’infinito. Scritto dallo storico israeliano Yuval Noah Harari è un libro da leggere come il libro precedente, Da animali a dei: breve storia dell’umanità.
L’ universo invisibile. Dalla scomparsa dei dinosauri alla materia oscura. Le imprevedibili connessioni del nostro mondo
Se siete persone curiose di ciò che ci circonda questo è un libro interessantissimo, Lisa Randall dedica questo libro all’ universo invisibile. Il cosmo e la Terra, se indagati con intelligenza e visionarietà acuminata, rivelano connessioni sorprendenti.
La guerra dei mille anni, dieci secoli di conflitti tra occidente e oriente
Il libro di Arrigo Petacco dovrebbe essere adottato in tutte le scuole d’Italia. Dieci secoli di scontri e violenza, alleanze e sotterfugi, massacri e devastazioni, per individuare cause e premesse di un presente che si fa di giorno in giorno più inquieto.
ARTE
Tre bellissimi volumi molto diversi tra loro:
I taccuini di Venezia
L’anno della scomparsa del grande autore giapponese è obbligatorio onorarlo con la lettura della summa delle sue opere in bilico perenne tra sogno e realtà che rappresenta il suo testamento. Jiro Taniguchi ha trasfigurato il suo soggiorno veneziano nella vicenda di un uomo alla ricerca delle proprie radici.
Leonardo Da Vinci, tutti i dipinti e disegni
Era da parecchio che volevo comprare questo volume della Taschen perchè Leonardo è uno dei miei artisti preferiti. Il materiale è sconfinato: lettere, contratti, poesie dell’epoca e appunti autografi, dipinti. Ben 663 disegni, riprodotti a colori e in grande formato!
Mater Dolorosa
Pubblicato da Bao in splendido mxi formato Gigi Cavenago, dipinge un centinaio di tavole di rarissima bellezza ed equilibrio pittorico, una storia meravigliosa e inquietante allo stesso tempo scritta da Roberto Recchioni nuovo direttore delle collane di Dylan Dog.
FUMETTI
Aspettavo da quasi un anno il libro di Turconi Radice, le altre due sono state letture estemporanee:
Non stancarti di andare
Amo la coppia Turconi Radice, consiglio a tutti la lettura dei loro libri, Non stancarti di andare è un romanzo grafico intenso sul senso dell’esistenza e della distanza, che attraversa più generazioni. Una storia per distruggere le barriere, per imparare ad amare senza riserve.

Il sangue dei mortali
Il mito dei miti, l’archetipo di tutte le guerre, che ci ha raccontato sempre e solo di eroi e semidei, Achille, Ercole, Achei contro Troia, gli uni contro gli altri ma nessuno come in questo fumetto ha raccontato  il coraggio e la paura, l’astuzia e la forza dei comuni mortali!

I pionieri dell’ignoto
Avventura con la A maiuscola in questo volume Bonelli scritto da Stefano Vietti e disegnato alla da Alessandro Bignamini. Tra le cupe nebbie di una Londra vittoriana “alternativa”, un gruppo di avventurieri si riunisce per organizzare una spedizione nell’africa misteriosa.

SERIE TV
Dopo la delusione dell’ultima stagione di Viking e Doctor Who è la semi delusione per Il trono di spade per fortuna che ci ha salvato Netflix con 5 su 6 tra le più belle serie tv viste quest’anno.

Stranger Things 2
Tutti i simpaticissimi protagonisti inventati dai fratelli Matt e Ross Duffer tornano con le loro strabiglianti avventure nei meravigliosi anni 80. La serie tv più nerd di tutta la televisione piena zeppa di citazioni e riferimenti alla cultura pop del magico decennio. Grazie a Netflix.

Mindhunter
David Fincher figura tra i produttori di questo capolavoro firmato anch’esso da Netflix basato sul libro Mindhunter: La storia vera del primo cacciatore di serial killer americano. Ambientazione anni ’70, precisamente il 1977 qui è tutto al top. Grandissimi Jonathan Groff e Holt McCallany.
Dark
Ancora Netflix in una produzione tedesca curatissima con al centro i viaggi temporali tra il 2019 e il 1986. La sparizione di due ragazzini e le conseguenti ricerche porteranno alla luce misteri e oscuri segreti di una piccola comunità, rivelando i rapporti e il passato di 4 famiglie che vi abitano.
Black Mirror
Sempre e solo Netflix. Secondo anno di produzione su quattro totali e devo dire che a me Black Mirror piace anche di più. Distopico, ironico, violento, alienante, imprevedibile ma anche, ogni tanto con un pizzico di ottimismo nei confronti della tecnologia.
Star Trek Discovery
Finalmente una serie tv Trekker con un buona dose di ritmo, effetti speciali buoni e una storia interessante. Questa sesta incarnazione in tv segue le avventure della nave stellare USS Discovery nel suo viaggio attraverso lo spazio alla ricerca di nuovi mondi e nuove civiltà.
Legion
L’unica e vera serie tv supereroistica da seguire. Personaggio enorme questo Legion, figlio del Professor Xavier. David Keller, alias Legion; diagnosticato come schizofrenico fin da bambino. Riferimenti ai Pink Floyd (The Dark side of the moon) e a Syd Barrett. Altro capolavoro.
MUSICA
Il ritorno degli U2 è quelli dei Pink Floyd anche se scissi ormai da anni:
Songs of experience
Dopo 3 anni di attesa finalmente gli U2 pubblicano un disco molto attuale e politico. Alcuni grandi pezzi, la voce di Bono ad alti livelli sostenuto molto bene da the Edge, Larry e Adam. In attesa di Songs of ascent!!
Invincible
Con questo album ho scoperto un magico duo, quello che prende il nome di Two steps from hell e che compone musica orchestrale epica per trailer cinematografici e televisivi. Questo mi ha fatto scoprire l’intera ricca discografia.
Live at Pompeii
David Gilmour è una vera istituzione, bastano tre accordi e già lo riconosci. Ci sono parecchi motivi che in più rendono indimenticabile questo live non ultima la location, un ritorno per l’ex Pink Floyd dopo lo storico film/concerto del 1972.
OK computer oknotok
Uno degli album più importanti dei nostri tempi, nonché come uno dei più influenti di sempre, un vero e proprio spartiacque fra epoche, rimasterizzato in occasione dei 20 anni dalla pubblicazione. Tre gli ottimi inediti.
Is this the life we really want?
Lo attendevo da ben 25 anni, dai tempi di Amused to dead. Disco politico con la P maiuscola che si schiera apertamente contro l’attuale amministrazione USA. Voce da brividi, come sempre Waters riesce a trasmettere grandi emozioni.