Cory Lambert è un cacciatore di predatori nella riserva indiana di Wind River, perduta nell’immensità selvaggia del Wyoming. Sulle tracce di un leone di montagna che attacca il bestiame locale, trova il corpo abusato ed esanime di una giovane donna amerinda. Il crimine prolunga il dolore di Cory che ha perso tre anni prima una figlia in circostanze altrettanto brutali. Per fare chiarezza sul caso, l’FBI invia Jane Banner, una recluta di Las Vegas senza esperienza. Tosta e disposta ad imparare, Jane chiede a Cory di affiancarla nell’indagine. Fortemente legato alla comunità indiana, è l’uomo giusto per aiutarla.

Meraviglioso film che mi ha appassionato tantissimo e quadrato, un thriller/western contemporaneo di incredibile visivo ambientato nel bianco delle foreste del Wyoming. Taylor Sheridan è lo sceneggiatore della trilogia della frontiera che comprende: Sicario, Hell Or High Water e questo I segreti di Wind River. Gli attori sono in partissima da Jeremy Renner ed Elisath Olsen. Il Festival di Cannes edizione 2017, lo ha accolto nella sezione Un Certain Regard e al termine della proiezione gli ha riservato ben 8 minuti consecutivi di applausi, I Segreti di Wind River segna l’esordio nella regia di Taylor Sheridan che riesce a fornire una regia quadratissima. Uno dei migliori film visto quest’anno e uno dei thriller più belli di sempre. Personaggi che rimangono nel cuore.