La lingua segreta degli dei di Barbara Frale, Mondadori

Roma, 1938. Alessandro Borghesi, ingegnere minerario neolaureato e pieno di entusiasmo, viene assunto in una missione archeologica destinata a scavare nell’oasi di Siwah, nel deserto del Sahara, alla ricerca della tomba perduta di Alessandro Magno. Ma ben presto il giovane Borghesi viene a sapere che secondo un antico papiro a Siwah è nascosto un tesoro ben più prezioso, di valore inestimabile: la fonte di un potere misterioso, un segreto celato da quattro ideogrammi – una lingua arcana e sconosciuta – che nessuno studioso al mondo è ancora riuscito a decifrare. Arrivato al Cairo, Alessandro si rende conto che intorno alla missione archeologica ruotano enormi interessi economici e politici: il tedesco Hans Brunner, morto in circostanze sospette, aveva infatti individuato proprio dove sorge l’oasi di Siwah un giacimento di greggio, ora conteso tra gli italiani – che occupano la Libia – e gli inglesi che controllano l’Egitto. Nel seguire le tracce di questa scoperta, Alessandro incontra l’affascinante Elisabeth Rosenheim, egittologa allieva del defunto professor Brunner, e decide di inoltrarsi con lei tra i tanti, troppi misteri della missione. Giunto nel cuore del Sahara, scoprirà che nemmeno il recupero del giacimento di greggio è il suo unico scopo. Nel viaggio si nascondono un’altra verità e nuovi, inquietanti interrogativi: perché l’Ovra ha intercettato una telefonata tra il cardinale di Chicago e la Segreteria di Stato di Pio XI?