Oggi vi vorrei consigliare, se non lo avete ancora visto, un gran film, si tratta di Zodiac di David Fincher, già regista di un altro thriller incredibile, Seven (ma anche di Fight club o The social network). Zodiac è un thriller molto atipico: ispirato alle azioni di un serial killer che tenne per anni in scacco la polizia di San Francisco (ancora oggi il caso è considerato chiuso solo perché il principale imputato morì prima di essere sottoposto a processo), il film di David Fincher concentra le sue attenzioni non tanto sulla figura dell’assassino, che rimane sullo sfondo, avvolta da un’aura inquietante e misteriosa, ma su un eterogeneo gruppo di personaggi, le cui vite vengono sconvolte dalle azioni del killer. 
Il tema dell’ossessione, già declinato efficacemente da Fincher nelle pellicole del suo recente passato, ritorna e diventa quindi perno dell’intera vicenda: tutti i protagonisti della storia, in primo luogo l’ispettore David Toschi (un eccezionale Mark Ruffalo) l’anonimo vignettista Robert Graysmith (il bravissimo Jake Gyllenhaal), lo scorbutico giornalista Paul Avery (un molto in tema Robert Downey Jr) sacrificano carriera, affetti e famiglia, pur di trovare il bandolo della matassa che, anno dopo anno, si fa sempre più fitta e apparentemente inestricabile. Sullo sfondo, emerge sempre più chiaro il ruolo chiave che assumono col passare degli anni i media e l’informazione in generale.
Nonostante la sua eccessiva durata (oltre due ore e mezza) non contribuisca certo a renderne più agevole la visione, Zodiac garantisce più di un momento memorabile: la sequenza dell’omicidio a sangue freddo di una coppietta nei pressi di un lago e quella che vede Jack Gyllenhaal scendere nello scantinato di uno dei presunti colpevoli, valgono, come si suol dire, il prezzo del biglietto. Peccato che Fincher non abbia reso più compatta e omogenea la narrazione e non abbia utilizzato il tempo a sua disposizione per approfondire meglio alcuni personaggi, come quello del giornalista ubriacone interpretato (casualmente…) da Robert Downey Jr. e quello, forse troppo marginale, cui dà volto e corpo Chloe Sevigny. Graziato da una prestazione del cast a dir poco sontuosa, Zodiac è un film ostico, affascinante, un “thriller non thriller” anticonvenzionale, forse troppo lento e denso di fatti e dialoghi. Quel che è certo è che David Fincher ha davvero talento da vendere.